Categorie:
Caring for the Community

Riscoprire il senso di comunità come terapia

Ascolto, partecipazione, condivisione, fiducia: la cura del paziente non è più un processo impersonale e distaccato, ma mette al centro la persona e i suoi bisogni fisici e psicologici. 

Verso l’umanizzazione delle cure

Le difficoltà sperimentate negli ultimi anni hanno accelerato lo sviluppo di nuove soluzioni e modelli di gestione del paziente (integrazione ospedale-territorio, gestione a distanza, ...) che danno risalto a tutti i momenti dell'esperienza personale di cura del singolo e delle figure che gli ruotano intorno.

L’obiettivo è costruire una rete di relazioni e servizi in grado di garantire il coinvolgimento del paziente, l’empowerment e la continuità di cura.

Il concetto di patient journey nasce da questi presupposti: tenere presenti sia gli esiti legati all’efficacia delle cure, ma anche quelli legati all’esperienza della malattia e alla qualità di vita. È un approccio che non fa riferimento solo al paziente, ma anche al caregiver: una figura preziosa, ma di cui spesso si sottovalutano i bisogni di supporto sia emotivo che pratico. Con velocità e modalità diverse, a seconda dei contesti e delle aree terapeutiche, si sta vivendo un momento di grande innovazione sia nel modo di fare ricerca che in termini di assistenza. Nel campo delle malattie oncologiche, in particolare, si fa sempre più forte la necessità di istituire percorsi personalizzati e finalizzati non solo alla riabilitazione fisica, ma anche a quella psicologica e sociale.

Secondo i dati AIOM (Associazione italiana di oncologia medica) e AIRTUM (Associazione italiana registri tumori), in Italia si diagnosticano all'incirca 1.000 casi di cancro al giorno. Un dato significativo che dà un’idea dell’impegno che il nostro SSN (Sistema Sanitario Nazionale) deve profondere. Ogni caso si differenzia per bisogni assistenziali. Da qui l’esigenza di riorganizzare tutta l’area oncologica che oggi è quasi esclusivamente ospedaliera, prevedendo nuovi setting territoriali delocalizzati fino a raggiungere la possibilità dell’home care e home delivery. In questo contesto il PNRR (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza) con il piano Missione Salute, rappresenta una grande opportunità per il settore oncologico. Insieme alle innovazioni farmacologiche e diagnostiche, è diventato infatti prioritario stabilire quali prestazioni possano essere svolte in setting assistenziali diversi dall’ospedale, specialmente per quanto concerne i pazienti oncologici con trattamento cronico attivo e per quelli in follow-up. Per ridurre il carico delle strutture ospedaliere diventa essenziale la capillarità delle Reti Oncologiche che tra le altre cose, ridurrebbe anche la mobilità regionale garantendo al paziente le cure necessarie con la massima prossimità al suo ambiente abituale.

Casale Angelini: il primo modello di assistenza di cross-setting italiano

Gli investimenti previsti dalla Missione 6 del PNRR, sono in larga parte rivolti a riorganizzare il sistema sanitario verso un modello che metta al centro il territorio e le reti di assistenza. Al fine di ottenere un’integrazione ospedale-territorio, è fondamentale che tutti gli attori che ruotano intorno al paziente (famiglie, caregiver, istituzioni, Medici, operatori sanitari), abbiano tra di loro un dialogo continuo e trasparente.

L’obiettivo è creare un percorso di cura condiviso dalla prevenzione alla cura dell’eventuale malattia.

Il PNRR ha messo in evidenza la necessità di strutture assistenziali di vario genere per garantire nei limiti del possibile, una migliore qualità di vita dei pazienti affetti da patologie croniche.        

A questo proposito, al di là dei fondi nazionali previsti sono state attivate iniziative lodevoli anche da enti privati. Ne è un esempio il “Casale Angelini”: la prima Care House italiana nata a cura della Fondazione Angelini, che viene messa a disposizione degli Ospedali Riuniti di Ancona e che accoglie pazienti in cura presso il reparto oncologico dello stesso.

I pazienti sono ammessi secondo un protocollo d’intesa che coinvolge oltre agli attori sopra citati, la Regione Marche, il Comune di Ancona e l’Università Politecnica delle Marche. L’accordo definisce anche i tempi di permanenza. I pazienti hanno a disposizione in forma gratuita un alloggio confortevole, concepito come una casa. Al suo interno, sale da pranzo, sala tv e giardino accolgono coloro i quali per motivi di vario genere, non possono far ritorno alla propria abitazione garantendo loro una continuità di cura. Il Casalesi ispira ai valori che sono sempre stati alla base della Fondazione Angelini. Si propone, infatti, di soddisfare i bisogni sia fisici che psicologici e sociali dei pazienti grazie a un'equipe specializzata di volontari dell'associazione Artis, attiva nell’ambito della ricerca sulla terapia infermieristica e di supporto. Il progetto si distingue anche per essere stato realizzato in un’ottica di sostenibilità e risparmio energetico che evidenzia l'attenzione al territorio da parte di Angelini Industries. Questa iniziativa rappresenta il fil rouge che tiene insieme tutte le business unit del Gruppo: la cultura del prendersi cura.

Continua la lettura

  1. Pubblicata nella categoria: Caring for the Community

    A cura di Redazione Angelini Industries

    Ogni vino ha la sua storia: alla scoperta di The Library

    Capacità di guardare al futuro restando fedeli alle proprie origini. È questo lo spirito con cui Bertani, una delle sei cantine di Angelini Wines & Estates, realizza vini dal carattere unico e inconfondibile. Tra i produttori più sensibili alle contaminazioni culturali, l’azienda ha scelto di raccontare il viaggio che conduce a un vino d’eccellenza, dando vita a una vera e propria opera d’arte: The Library, la monografia che racconta il patrimonio di annate storiche di Amarone della Valpolicella Classico, il più iconico tra i vini del veronese.
  2. Pubblicata nella categoria: Caring for the Community

    A cura di Redazione Angelini Industries

    Insieme contro lo sporco più ostinato: l'odio

    L’odio è un sentimento che cresce nell’ignoranza. C’è chi lo definisce uno scudo, chi una barriera, ma l’unica certezza è che a prescindere dalla sua forma, separa le persone creando un abisso di incomunicabilità. È una forza inarrestabile? A rispondere a questa domanda ci ha pensato l'iniziativa “Cancelliamo l’odio” nata dalla collaborazione tra la fondazione romana Retake e ACE, brand di Fater.
  3. Pubblicata nella categoria: Caring for the Community

    A cura di BDO Advisory Services

    Sustainability Leadership Induction: Un’altra importante tappa della Sustainability Agenda di Angelini Industries

    La sostenibilità aziendale è un tema che, oggi più che mai riveste una grande rilevanza per il mercato e per la società civile e sempre più percepita come prioritaria da tutto il Management del Gruppo Angelini Industries, non solo per i necessari adeguamenti normativi europei ma anche per le opportunità di sviluppo e competitività per l’intero Gruppo.
  4. Pubblicata nella categoria: Caring for the Community

    A cura di Redazione Angelini Industries

    Verso forme di apprendimento sempre più attive e collaborative

    La trasformazione digitale ha interessato molteplici aspetti del “fare quotidiano" e l'educazione e la formazione sono tra le prime voci della lista. La tecnologia è diventata, infatti, strumento di supporto a un apprendimento sempre più attivo, interattivo e collaborativo. In questo contesto, Angelini Academy in collaborazione con H-Farm ha ideato per i figli dei dipendenti del gruppo una serie di laboratori online che mirano a introdurre i giovani al mondo dei robot e del coding.